In Levitates

Leggera e dolce la vita mi colse,
tra soavï e melodiche mani,
in cui amabil il sospiro al domani
d’emozïonï eterne m’avvolse

e quella fragile nube distolse
pensieri iniqui e pensier vani
in cui codesto sentirsi lontani
solo le nebbie del cuore disciolse.

Ed ancor delicata la mia mente
Disegna tra le nuvole in baci
L’onirico volto della mia dama,

In cui il cor che felice Vi sente
arde come fosse messo su braci
Certo d’amar solo colei che l’ama.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...