Perché manchi con il tuo bianco manto

Perché manchi con il tuo bianco manto
ad avvolgere ogni ombra, a lenir ogni rumore
e con esso ad ovattare il mio dolore?

Nel silenzio degli insetti, e nell’attesa
degli animali ritorti nelle loro tane,
il tuo passo lontano è l’eco di memorie
sepolte e solo ora riaffioranti,
emergenti, candide e prepotenti
come i petali d’un bucaneve.

I rami spogli, scure rughe del cielo,
alle stelle volgono il loro abbraccio,
senza nubi né speranze di te, neve.

Eppur gela il vento, mentre la luna
di un pallido sorriso triste, si veste,
e l’anima in leggeri cristalli fiocca, lieve.

Annunci

Ceu nivix in prima lux

Di bianca perla la pelle vesti
ch’è ‘l desio d’ogni umana speme,
ed al cor gentil sussurri e desti
emozion d’alba come prima neve,

poiché un sole ti brilla in viso
ove l’aurora timida arrossisce,
e non v’è paragon al quel sorriso
che l’aria irradia el cor lenisce.

Così il pensier volge all’eterno,
ove Amor è parola che piace,
è canto di primavera nell’inverno

che in me, pur scolpito, ora tace.
E col brivido cortese dell’eterno
Alma arde d’amor come su brace!