Bimba di polvere

Un cielo d’argentea chioma non adombra
il tempo passato e la futura pioggia
tra quei capelli di vento fatuo
che treccia e trama svolazzi di mestizia

Un gatto avvoltato tra l’erba aspra
drizza il pelo e tende il versoio
al rabbuffo baritonale e cavernoso
d’un passo in passo del fortunale

Si flette il ginepro e le sue bacche
rollano in chiostri senza rintocchi
attendendo il mormorio dell’acqua
che gelida muliando li monda

E’ un cielo d’argentea chioma che non perdona
e come ciglio divino si stacca e affonda
nell’humus umido d’una secolare forza
che in un sol schiocco divien polve

Si posa il passato sui mobili antichi
sui ciottoli e sui muri riversi a terra,
si posa il tempo sui silenzi sopiti, sugli sguardi
e sui sorrisi dimenticati nella dispersione

Si spegne questo cielo d’argentea chioma
come sipario chiude i suoi drappi eppur
permangono le luci in quegli occhi che ormai
sono solo memorie d’una bimba di polvere.

[Liberamente ispirata agli eventi di Oklahoma City – 20/05/2013]

Annunci

2 commenti su “Bimba di polvere

  1. ombreflessuose ha detto:

    Scorrono di malinconica e dolce bellezza i tuoi versi
    La natura a volte è crudele e matrigna
    Grazie di cuore
    Un abbraccio
    Mistral

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...