Un giorno sboccerà in corolle viola

Livido, intriso di questo vento recondito
che giunge come petali divelti dalla corolla
ad impregnar la pelle, a scompigliar il cuore,
ondeggia il volo armonico degli storni a disegnar
ombre, come trasposizioni d’anime dimenticate
là, dove la mente gioca con il pensiero
ed il tempo muta il suo correre in istante.

M’incanto in questa fragilità di stasi,
nelle forme sinuose e silenti delle nubi
nei continenti, nei giochi e delle forme del cielo
con il timore che un respiro possa sciogliere
il sottile velo di brillante intessuto,
che un battito di cuore possa incrinare il mondo,
e fino a soffrire trattengo l’anima, l’emozione.
S’accende il pulsare, ancora, come vita vissuta,
come l’istante che passa, ed io con esso,
lasciando sul mio sentiero, tempo imperfetto, orme
intrecciate ad un verbo che, come germoglio,
un giorno sboccerà in corolle viola.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...