Dondolano nell’aria i petali della robinia

Come la prima neve,
che dipinge l’incanto nei fanciulli,
in fiocchi eterei dondolano,
nell’aria, i petali della robinia,
danzando tra le foglie
ed i germogli, là sulla tua pelle
o tra le calendule
ad accarezzar d’immaginazione
il brivido freddo d’un bucaneve
a forma di margherita.

Primigenia voglia di semplicità
nell’animo tumultuoso e frenetico
muove la nostalgia verso il folto
del bosco, dell’ignoto atavicamente
già conosciuto. Sempre bramato.
Amato, come il sorriso del giorno,
o l’abbraccio della notte,
la nenia delle stelle
il ballo dei cirri, il canto dei nembi,
e di quella pioggia di fiori
che passeggiando su questo viale,
sconnesso e pietroso,
il vento inonda e alimenta.

Sire mi fingo, a rimirar il tuo volto,
camminando su questo tappeto di fiori,
veleggiando nell’etere leggero di pensiero,
con te, mia Regina senza tempo,
che tenendomi la mano emozionata,
ad ammirar tale bellezza t’arresti,
pura ed ignara che di tanta grazia,
natura, del tuo riflesso si nutre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...