Così m’incanto, come quando t’incrocio

Ricordo le saline Maltesi riflettere il sole,
mentre d’un antico canto le onde
intonavano le note, e nei tuoi sorrisi
un controcanto d’eterno albeggiava…

Odoro, controvento, quest’aria leggera,
seduto su un muricciolo sconnesso di pietre
dove qualche insetto pavido si nasconde,
tra una polvere sottile come una cipria
e germogli assetati di luce.

Così m’incanto, come quando t’incrocio
e nel tuo sguardo, se me lo permetti, mi perdo.

Annunci

6 commenti su “Così m’incanto, come quando t’incrocio

  1. Italo Bonassi ha detto:

    un controcanto d’eterno albeggiava
    Bellissima espressione, con quel controcanto ( non canto ) che le dà una particolare pregnanza

    • RiVerso ha detto:

      Mille grazie per l’attenzione che dedichi alle mie parole. Mi piaceva molto l’idea di un sorriso che sottende la magnificenza del tutto, un contrappunto all’eterno.
      Un caro saluto, RiV.

      • Italo Bonassi ha detto:

        Seduto s’un muricciolo sconnesso di pietre vedo approssimarsi l’Anno nuovo e lo saluto speranzoso, che faccia il bravo con tutti noi che ci ostimìnimao a scrivere versi

      • RiVerso ha detto:

        Augurio che condivido e che ricambio caro Italo! Che sia un 2015 foriero di pensieri e Poesie, ma anche di tante piccoli gesti ed azioni che con semplicità ci aiutano a vivere meglio!
        RiV

  2. ombreflessuose ha detto:

    E incrociarti fa sempre bene, sia all’ anima che al cuore
    Bravo, RiV
    Abbraccio
    Mistral

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...