Non chiederci chi cerca d’infiniti mondi

Non chiederci chi cerca d’infiniti mondi
porte malchiuse, spiragli di cielo:
è una folata di vento quel volo,
un destinato a disperdersi affanno.

Le menti che navigano peregrine
su acque chete di oceani solitari
seguono, d’un raggio cangiante, la rotta
che della destinazione l’orizzonte cela.

Dei nostri pensieri non domandarci
le lacere sembianze, dove le parole
mal s’adattano alla luce e i suoni
sono solo echi di un estroso silenzio.

Annunci

Un commento su “Non chiederci chi cerca d’infiniti mondi

  1. lilasmile ha detto:

    E’ come navigare in una meraviglia di poesia dove le sensazioni non possono essere classificate.
    Bella!!! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...