Sale la marea ammantando la rena

Sale la marea ammantando la rena
mutando il profilo del ciglio di pianto
che fugge e ritorna, si frange in flutto,
spumiglia brillando come un arrochito canto.

Sale questa marea, ritmando il suo passo
come un battito d’ali, un pulsare di cuore,
un incessante esercito che muove e prega
sotto la l’egida guida d’un folle conquistatore.

Muta, la marea, questo silenzioso orizzonte
da malfermo profilo d’azzurro a oltremare,
nitido cammino dove l’esoterica virtù del cielo
si fonde e s’abbraccia all’ultimo raggio di sole.

È questa marea, questo mare che avanza,
a trasformare in onde ogni mio pensiero,
la pace di una spiaggia racchiusa in questa stanza
è faro dell’anima persa in questo dedalico sentiero.

Annunci

3 commenti su “Sale la marea ammantando la rena

  1. TADS ha detto:

    con qualche piccola modifica potrebbe diventare il testo di una canzone

    • RiVerso ha detto:

      Non dirmi di Venditti e possiamo parlarne 😉 Ahahahh!

      Comunque il tuo commento indica che la mia mania di trasmettere una melodia nelle parole stavolta è riuscita meglio di quanto sospettassi… è una cosa che mi fa davvero molto piacere, Grazie!
      Un saltuo, RiV

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...