Poesie

Poesie,
perdonate se le chiamo così, ma non saprei come altro descriverle. Forse canti o musiche d’anima, ma so bene che più di giochi di parole ed intrecci d’emozione non sono.

Ebbene, i miei giochi li trascrivo in oridne sparso su questo blog, che seguo saltuariamente, ma che aggiorno quando qualche scintilla d’ispirazione accende in me la voglia di riversar i miei pensieri in un archivio che, ad un anno e più dalla sua nascita, per lo più, reputo privato.

Chi accede nel giardino delle mie parole spero lo faccia consapevole che non sono un poeta, che ciò che scrivo è il moto dei sentimenti che vivo, di ciò che sento, e che non sempre è possibile capire.

Come si può leggere ciò che di più condiziona la mia vita è la Natura, Gea, la Dea gentile e prosperosa che ci ha creati, cullati, e fatti crescere, e che può a sua discrezione cancellarci dal tempo e dalla memoria, senza neppure troppa fatica. Una Dea che non venero, ma di cui sono profondamente innamorato ed a cui mi sento legato da trecce di passioni e vita. Per questo il mio scrivere è sempre volto con lo sguardo al mondo che mi circonda e che, per fortuna, è molto più verde di quanti magari possono vivere o condividere. Il mio cielo è davvero azzurro, e davvero vedo le stelle dalla finestra della mia camera, e nel mio giardino ho la fortuna di avere fiori profumati in primavera, o cicale fastidiose d’estate, o fiocchi di neve d’inverno (rari, ma ci sono).

Ciò che sento è quasi sempre una musica di emozione, un delicato canto armonico di profumi, colori e sentimenti che con estrema fatica (e profonda insoddisfazione, il più delle volte) provo a tramutare in parole… purtroppo non ho doni artistici, un quadro o una melodia potrebbero meglio narrare i miei voli emozionali, ma nella sua limitatezza, è la parola l’unico sfogo dell’immenso che mi colma e che, per non impazzire, devo lasciar fluire.

Natura ed Amore, a volte sentimenti diversi, passioni e paure, temi di cui si può trovare ovunque in rete (o sugli scaffali di una libreria) e senza troppa fatica anche migliori. Non pensate quindi di leggere in questo blog folgoranti verità, o intramontabili classici, ma se proprio volete provate a leggere cercando, in quelle parole, una musica. Non pretendo sia la mia, anzi, spero sia vostra. Questo sarebbe per me il più bel regalo da poter fare a chi ha dedicato anche solo un minuto nel leggere ciò che il mio animo ha provato ad esprimere.

Grazie. RiV.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...